12.4 C
Salerno
martedì, Ottobre 4, 2022
spot_img

Il nostro appello di solidarietà

In campo per i bisognosi della città. L’agenzia di comunicazione Ags di Silvio Sabatino, da anni operativa sul territorio, è promotrice una meritevole iniziativa a sostegno della Mensa dei Poveri San Francesco. E chiede aiuto ai salernitani con un contributo libero sul conto corrente postale 71717912 intestato a San Francesco onlus per realizzare un calendario il cui ricavato sarà interamente devoluto alla struttura di via D’Avossa, nel quartiere Carmine.

La Mensa dei poveri 

Porta il nome di San Francesco ed è stata fondata nel 1994 da Mario Conte. All’ora di pranzo diventa punto di ristoro e luogo di aggregazione per senza fissa dimoraanzianiex tossicodipendentidisoccupati ed extracomunitari. Una media di circa 150 pasti caldi al giorno vengono distribuiti gratuitamente e consumati a tavola garantendo a queste persone e alle loro famiglie la sussistenza minima.

Le attività

Non solo la cucina, ma anche l’accoglienza, l’approvvigionamento e la distribuzione dei pasti sono curate da volontari che fanno parte dell’Associazione San Francesco Onlus. I locali, invece, sono stati messi a disposizione dalla Comunità Salesiana e ristrutturati dalla Caritas Diocesana. E anche il suo ideatore e fondatoreMario Conte, è coinvolto da sempre in prima persona.

Soldi e sostegno spirituale

“Viviamo della carità della gente che vuole fare qualche offerta e di pochi fornitori quali macellai e altri negozianti che ci danno la loro merce e di un farmacista che ci regala le medicine – afferma – da quando abbiamo questo locale così grande, da un lato abbiamo la possibilità di servire molte più persone, dall’altro le spese si sono moltiplicate e c’è bisogno di più denaro e alimenti. La cosa più triste è che ci sono anche famiglie povere di Salerno e anziani abbandonati a cui portiamo i pasti che prepariamo. Ma chi viene qui ha soprattutto necessità di un padre spirituale che parli e socializzi con gli ospiti facendoli sentire a casa sia pure solo per qualche ora”.

Articoli correlati

Stay Connected

3,883FansMi piace
8IscrittiIscriviti
- Casa editrice -spot_img

Ultimi articoli