18.2 C
Salerno
giovedì, Settembre 29, 2022
spot_img

Giuseppe Cerullo, come star bene in pochi passi

I consigli di Giuseppe Cerullo per star bene in pochi passi!

Star bene in pochi passi? Si può. Parola di Giuseppe Cerullo, giovane biologo nutrizionista salernitano e dottorando di ricerca in Scienze dello Sport presso l’Università Parthenope di Napoli.

Da anni è appassionato di alimentazione ed esercizio fisico. Ed é impegnato nella ricerca sul campo e collabora con i professori Giuseppe D’Antona e Massimo Negro del Centro di Medicina dello Sport dell’Università di Pavia. Si interessa, nello specifico, di nutrizione dello sport e degli effetti dei supplementi dietetici sulla performance muscolare. Gli abbiamo chiesto qualche suggerimento per restare in forma. Proprio adesso quando smaltire i chili di troppo accumulati d’inverno diventa indispensabile soprattutto in vista dell’estate.

La stagione estiva è alle porte e vogliamo star bene…

“È proprio così, finalmente. Arriverà presto il caldo e star bene è un imperativo. Mettersi in forma per la prova costume aiuterà a recuperare sane abitudini. Bisogna imparare a dedicare tempo a se stessi. A volte basterebbe una semplice passeggiata all’aria aperta. Spezziamo la normale routine e ci farà sentire meglio”.

Quali sono i suoi consigli per star bene in pochi passi?

“Siamo reduci, per ovvie ragioni, da un anno casalingo. Star bene però si può e si deve. Molti di noi hanno dovuto rinunciare ad allenarsi. E per i prossimi mesi c’è ancora, purtroppo, tanta incertezza”.

“Il principale consiglio da dover dare è limitare atteggiamenti che inducono uno stile di vita sedentario. In poche parole cercare di star fermi il meno possibile durante la giornata. Restare attivi anche con piccoli accorgimenti. Ad esempio, salire e scendere le scale non usando l’ascensore”.

“Il divano può essere un’occasione di relax e socialità familiare. Ma occorre evitarne l’abuso. Qualche ora di sole all’aria aperta poi è fondamentale. E non solo per la normale produzione di vitamina D. Quanto per il nostro star bene in generale”.

“Evitiamo infine snack o bevande zuccherate davanti la tv, specialmente in tarda serata. Consumare questi alimenti mentre si guarda un film può essere piacevole. Eppure induce nell’eccedere con le quantità. E si rischia di favorire l’acquisto di peso, oltre che disturbare anche il sonno notturno”.

Ed eccoci al cibo: qual è quello che fa star bene?

“Limitiamo il consumo di cibi grassi, soprattutto se di origine animale. E non abusiamo di dolci di vario tipo. Qualche peccato di gola va benissimo. Ma occorre anche sapersi moderare. Fare diversi pasti, non per forza i canonici cinque, aiuta a controllare il senso di fame durante la giornata”.

“Come ormai è noto, frutta e verdura di stagione non devono mai mancare nella dispensa. Così come cereali e derivati, meglio se integrali. Poca attenzione di solito viene prestata al consumo di proteine. Queste sono demonizzate ingiustamente da sempre. Ma in realtà sono fondamentali per il mantenimento della massa muscolare, specie negli anziani che fisiologicamente tendono a perderne di più”.

Sono importanti anche le tecniche di cottura per il nostro star bene?

“Sicuramente ogni tecnica di cottura può influire sulle caratteristiche nutrizionali di un alimento. Cucinare può distruggerne a volte alcuni nutrienti e migliorare invece la biodisponibilità di altri. Credo che la cosa migliore sia alternare le diverse tecniche di cottura a disposizione. E bisogna orientare le proprie scelte alimentari a seconda della stagionalità. Spesso mi piace ricordare ai miei pazienti/clienti che il consumo regolare di tali cibi mantiene un buono stato di idratazione”.

Poi c’è il grande universo dello sport…

“Sono dell’idea che per essere credibili si debba anche praticare oltre che predicare. Cerco di mantenermi in forma svolgendo regolarmente esercizio fisico di vario tipo. Ciò dipende a seconda dei momenti e delle esigenze. E lo consiglierei a chiunque”.

“La chiave dello star bene è l’aderenza nel tempo, senza particolari imposizioni o regole. Del resto, i limiti possono funzionare con alcuni soggetti ed essere deleterie con altri. Se impossibile in palestra, le alternative sia all’aperto che al chiuso non mancano sicuramente. Oggi ci si può allenare anche a casa con attrezzature semplici e bravi trainer che allenano online. La buona volontà non ci deve mai abbandonare!”

Tornando al cibo, ha un suo piatto preferito?

“La lasagna… anche per un motivo affettivo. Per il resto anche io mangio la crema di cioccolato e biscotti. Ma sono ligio ai dettami di un’alimentazione bilanciata”.

Articoli correlati

Stay Connected

3,883FansMi piace
8IscrittiIscriviti
- Casa editrice -spot_img

Ultimi articoli